fbpx

Novità e notizie

AUSF Viterbo e AUSF Firenze nelle faggete del Monte Amiata

AUSF Viterbo e AUSF Firenze nelle faggete del Monte Amiata

Lo scorso Maggio, AUSF Viterbo e AUSF Firenze si sono incontrate tra i faggi del Monte Amiata, accompagnate dal docente dell’Università della Tuscia Rodolfo Picchio e dal dottore forestale Paolo Franchi per creare un confronto diretto su temi che vanno dalla gestione dei boschi del Consorzio alla valorizzazione delle risorse presenti nel territorio, fino alla valutazione di alcuni parametri di importanza trasversale per le utilizzazioni forestali e per un’adeguata fruizione del bosco, quali ad esempio la viabilità, gli impatti sul suolo e l’analisi della stabilità e dei danni arrecati a singole piante in piedi.

AUSF (Associazione Universitaria degli Studenti Forestali) ha infatti, tra i suoi obiettivi, l’abbattimento della terza parete del mondo universitario: affacciarsi sul campo di lavoro e avere un’esperienza diretta di ciò che poi sarà il futuro degli studenti.

Le due associazioni, accolte dal Presidente del Consorzio Forestale Fiorenzo Caselli, hanno visitato alcune particelle gestite a fustaia di faggio; il Professor Picchio ha poi illustrato i diversi tipi di gestione correlando esigenze ambientali, socioeconomiche ed utilizzazioni forestali. In seguito, ci si è soffermati su alcune tecniche di valutazione in campo della stabilità delle piante e la diagnosi dei danni arrecati al fusto mediante tecniche non distruttive. L’analisi resistografica attraverso un moderno strumento (Resi-PD400) permette di visualizzare le variazioni di resistenza alla penetrazione di una sottile punta nel legno, correlandola alla profondità di perforazione e restituendo graficamente un profilo che evidenzia le variazioni di densità nella struttura interna del legno, e dunque la sua omogeneità e idoneità a sopportare un carico.

nl683 NN3 AUSF web2

Successivamente è stata eseguita una tomografia sonica tridimensionale attraverso un altro strumento (ArborSonic 3D) che permette di analizzare la qualità interna di una sezione di tronco mediante l’impiego di onde sonore. Analizzandone la velocità di propagazione attraverso un apposito software, è possibile evidenziare la presenza di eventuali anomalie interne, anche se nascoste dalla corteccia. Ripetendo l’esame in più punti del fusto, è possibile interpolare i valori misurati ottenendo così un’immagine 3D rappresentativa dello stato interno del legno.

Questo tipo di analisi costituiscono un valido approfondimento strumentale a supporto del metodo VTA (Visual Tree Assessment) o di altri metodi di valutazione.

A concludere la giornata una visita alle particelle sperimentali certificate in località Le Macinaie per discutere gli interventi realizzati nel corso degli anni e alle carbonaie del progetto “RICACCI”, inserito nel contesto del PIF “FOGLIE”, che ha come fine la produzione di combustibile certificato e di qualità attraverso un sistema mobile ed ottimizzato rispetto ai metodi più tradizionali.

Image

ULTIMI ARTICOLI e NOTIZIE

Altre news

Image

Compagnia delle Foreste logo91x70px

La nostra sede
Compagnia delle Foreste Srl
Via Pietro Aretino n. 8
52100 Arezzo (IT)

Contatti telefonici e fax
Tel. (2 linee): 0575.323504 / 0575.370846
Fax: 0575.370846

E-mail

Pec:

P. Iva e CF: IT01726650516
Codice Univoco: M5UXCR1

Seguici su