Sherwood Foreste ed Alberi Oggi è un bimestrale a diffusione nazionale. Insieme al suo supplemento “Tecniko & Pratiko” si propone di favorire la divulgazione tecnica, scientifica e politica, trasversalmente al settore forestale italiano.

Sherwood e Tecniko & Pratiko sono disponibili sia in versione cartacea che in versione digitale.

Image

Sherwood 244
Gennaio-Febbraio 2020

Il numero 244 di Sherwood, il primo dell’anno 2020, è caratterizzato da due novità. La prima, sicuramente già saltata all’occhio, è la nuova veste grafica della copertina; la seconda è la presenza di un Dossier. Questa di per sé non è esattamente una novità; in passato infatti abbiamo già pubblicato dossier di approfondimento su specifiche tematiche, anche se diversi gli uni dagli altri per origine della proposta, tipologia di articoli contenuti, struttura editoriale e lunghezza complessiva.
Da quest’anno vorremmo invece pubblicare, con una cadenza più regolare, dossier tra loro più coerenti per struttura e lunghezza, con l’obiettivo di approfondire tematiche utili ed interessanti per il settore forestale ma difficilmente affrontabili in un singolo articolo. In questo numero il Dossier è dedicato ad una problematica molto attuale, perché conseguente alla tempesta Vaia: dove ci sono stati i crolli deve sempre ritornare il bosco?
Attraverso esperienze concrete, relative ad aree fortemente colpite dalla tempesta, si parla di opportunità di ritorno al pratopascolo, anche nell’ottica di ripristino del paesaggio tipico del sistema agroforestale montano. Conclude il Dossier un interessante (e nuovo) spazio editoriale dal titolo “puntidivista” dove diverse figure, competenti sui temi affrontati, riportano le loro opinioni e riflessioni a riguardo.
Il numero di Sherwood però non si esaurisce con il Dossier, si segnalano infatti: un interessante articolo sulla matricinatura, oggi e nella storia, dei cedui italiani; un commenti e proposte sui “diritti” della natura; le notizieingrafica che ci mostrano “i 10 punti” per la gestione sostenibile secondo Legambiente. Con la tavolarotonda e con il postscriptum ritorniamo ancora a parlare di Vaia, facendo il punto con le Pubbliche Amministrazioni nella prima e parlando di sicurezza e formazione nel secondo. A Vaia è anche dedicata la foto nella nuova copertina, uno scatto aereo, come lo saranno tutte le foto delle copertine di questo 2020…
Saranno finite qui le novità? Probabilmente no! Continuate a leggerci e a seguirci, anche sul sito www.rivistasherwood.it, anch’esso recentemente rinnovato.

Silvia Bruschini
Direttore editoriale di Sherwood

Image

Tecniko & Pratiko 145
Gennaio-Febbraio 2020

Il 2020 di Tecniko & Pratiko inizia con l’editoriale dedicato all’aumento percentuale, dal 2 al 6, della compensazione sull’IVA applicata a legna da ardere in tondelli, ceppi, ramaglie o fascine, cascami di legno, segatura e legname squadrato. Non è molto, ma sicuramente è un passo in avanti verso una riduzione del carico fiscale su una materia prima rinnovabile come il legno e a favore di un settore e di aree economicamente svantaggiate.

La sezione “Macchine & Attrezzature” vede un “Parco Macchine” riguardante un rimorchio forestale polifunzionale: il TL14G della modenese Bernabei. È poi presente AssoTeca, che riporta gli aggiornamenti dal CONAIBO sotto il punto di vista del portale Silvismart, realizzato nel contesto del progetto Tech4Effect, al quale è stato dedicato uno specifico workshop in occasione di Forestalia 2019.

In “Legno & Biomasse” si possono scoprire le caratteristiche e le tecniche costruttive delle strutture in legno realizzate con il metodo loghome. A febbraio si svolgerà a Verona la 12° edizione della manifestazione fieristica Progetto Fuoco dove un’importante novità è l’area esterna denominata Progetto Bosco, un contributo descrive l’evento e gli appuntamenti che ne faranno parte. La rubrica “Borsa Legno” del numero 145 di T&P, riporta i prezzi dei boschi in piedi in Francia.

Chiude la Rivista la sezione “Verde Fuori Foresta” dove è descritta la motosega professionale da potatura Husqvarna T535i XP® e dove si può conoscere la struttura portante FULCRI, realizzata per ripristinare alberi sradicati in contesti urbani e peri-urbani durante la tempesta Vaia.

 Francesco Billi