Rivista SHERWOOD - Foreste ed Alberi Oggi
Rivista forestale Sherwood su Facebook Rivista forestale Sherwood su Twitter Rivista forestale Sherwood su Google+ Compagnia delle Foreste su Youtube
Rivista SHERWOOD - logo
  • Immagini Slideshow
  • Immagini Slideshow
HOME   SHERWOOD   TECNIKO & PRATIKO   NEWS   EXTRA
Home Sei qui
 
 
   

Danni da ungulati selvatici

PDF Stampa E-mail

Danni da ungulati selvaticiIl problema della pressione della fauna selvatica sui popolamenti forestali interessa buona parte delle aree boscate del nostro paese. A proposito di danni da sovraccarico di ungulati, di gestione forestale sostenibile, di scelte politiche e sensibilità ambientalistiche, sul numero 155 di Sherwood è stato pubblicato un Commenti e Proposte che riporta le riflessioni del Prof. Marco Paci. Vi invitiamo a leggerlo e a dire la vostra su queste questioni da anni costituiscono uno degli aspetti più problematici per chi si occupa di gestione forestale.

icon Danni da ungulati selvatici - Commenti & Proposte (367.73 kB 2009-07-14 17:26:13)

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
 

Commenti   

 
-1 #23 Lamberto Eli 2011-12-06 21:05
Non mi convince quanto dice il Paci, la sua proposta è tipica di uno che non si sposta dal tavolino, buon teorico, ma praticità zero; dovrebbe andare in bosco più spesso e non solo a Prato.
Ah Questi selvicoltori da salotto!
L'aspettiamo in Casentino qualchevolta o a Poggio bardelloni.
Citazione
 
 
+2 #22 IVANA FANTONI 2010-03-11 10:32
Concordo con le osservazioni di Iorio e in merito alla questione dei danni da predatori posso aggiungere che in Casentino ovviamente abbiamo anche il "problema lupo", a cui non ho fatto riferimento nell'articolo pubblicato perché ho scelto di concentrare l'attenzione sul tema ungulati.
E' evidente però che per gli agricoltori le difficoltà create dalla presenza dei predatori vanno a sommarsi a quelle dovute agli ungulati, cosicché si determina un contesto che lascia ben poche speranze.
Negli ultimi 10-15 anni L'allevamento ovino,che tradizionalment e veniva praticato proprio nelle zone marginali di collina e di montagna, è quasi scomparso per due fondamentali cause: mancanza di ricambio generazionale e attacchi di predatori. Sono a rischio anche gli allevamenti di bovini, perché i vitelli, se lasciati al pascolo vengono facilmente predati.
Anche mio padre, la scorsa estate, ha purtroppo deciso di vendere il suo gregge di pecore (solo 40 capi), dopo aver subito tre attacchi di lupo in tre settimane. In questo caso specifico gli attacchi si sono verificati in pieno giorno, ad una quota di soli 400 metri e a circa 150 metri di distanza dalle abitazioni (l'ultimo attacco è avvenuto in presenza di mio padre!). Nella frazione in cui abitano i miei genitori ormai solo mio padre e pochi altri pensionati (che si possono contare sulle dita di una mano) continuano a praticare un minimo di attività agricola. Sono territori difficili perché acclivi o terrazzati (i terrazzamenti stanno crollando e il loro recupero richiederebbe investimenti insostenibili). Mi chiedo cosa ne sarà di questo territorio e di questo paesaggio quando anche queste poche persone che ancora lo mantengono verranno a mancare.
Eppure le aree agricole marginali,i terrazzi, i filari alberati e le siepi, che si intersecano e si alternano al bosco creano un insieme di ecotoni molto variegato e determinano, a mio avviso, uno degli habitat più ricchi di specie vegetali e animali.
Attraverso la conservazione di questo "sistema" sarebbe possibile garantire una vera conservazione della biodiversità, sia a livello di specie, sia in termini di varietà di ambienti e di paesaggi.
Purtroppo invece la tutela della biodiversità viene canalizzata verso la conservazione di alcune specie "privilegiate", perché più facilmente osservabili e oserei dire più "pubblicizzabil i" ("bambi" fa indubbiamente più presa sull'opinione pubblica rispetto a una biscia o a un coleottero!), inoltre la percezione della tutela ambientale in Italia è tuttora ancorata al concetto di "non intervento" come se qualsiasi azione dell'uomo fosse sempre e solo negativa per l'ambiente!
Citazione
 
 
+5 #21 Giorgio Iorio 2010-03-10 12:54
Vorrei rilanciare e ampliare la discussione al tema più generale della gestione della fauna selvatica (o per lo meno della teriofauna che interagisce con l'uomo).
L'articolo di Ivana Fantoni (Sherwood n.160) sottolinea la debolezza di alcune scelte delle varie amministrazioni competenti nelle politiche di difesa dai danni e di indennizzi degli stessi. La mia esperienza, che riguarda sia territori inclusi in aree protette che non, non differisce di molto da quella illustrata dalla Fantoni.

Come già indicato in un precedente post, ho visto cambiare negli anni le popolazioni di alcune specie tra cui, oltre al capriolo, potrei segnalare il lupo, la lince (?), l'istrice, tra gli uccelli i corvidi (cornacchia e ghiandaia) e ultimo arrivato da pochi anni l'orso(forse sono due..).

A proposito dei danni in agricoltura rimando ai contenuti dell'articolo di Fantoni, con la sola aggiunta che in un area protetta del comprensorio dove lavoro se l'agricoltore danneggiato non è d'accordo sull'entità di indennizzo può ricorre e ottenere una nuova perizia. Sapete chi la fa ? Un tecnico scelto dall'area protetta, e l'agricoltore se lo deve pure pagare!
Sui danni al bestiame la mia esperienza è più recente (ultimi 3-4 anni) e si riferisce al lupo. Dopo una prima fase in cui il grosso della predazione era sul cinghiale, oggi con la riduzione sensibile del cinghiale e una stabilizzazione /leggero aumento dell'allevament o brado e semi-brado, si è in parte riportato sul bestiame.
Se l'allevatore subisce un danno (es. un vitello ucciso e parzialmente mangiato) deve chiamare il servizio veterinario della Asl per la certificazione (paga lui), smaltire la carcassa (paga lui), fare domanda di rimborso all'amministraz ione competente e aspettare.
Se l'uccisione è avvenuta nei primi mesi dell'anno, allora ci sono buone possibilità di avere il 60% o 70% del danno (a seconda delle amministrazioni competenti con le eventuali penali già indicate dalla Fantoni). Se per caso il danno avviene negli ultimi mesi dell'anno non riceve nulla o così poco da non ripagarsi nemmeno le spese! Infatti le amministrazioni stabilisco in bilancio un somma totale senza riferimento con l'andamento dei danni nell'ultimo periodo e quando è finito il fondo i danni non vengono più pagati.
La risposta dell'allevatore ai miei sempre più difficili e timidi tentativi per sostenere l'importanza della fauna selvatica è: "la prossima volta che vado a fare un controllo degli animali, mi porto dietro il fucile, se lo vedo gli sparo".
Questo è il vero e triste risultato della politica attuale.

Cosa fare per cambiare la situazione? A mio parere 3 cose:
1 - riconoscere il 100% del danno subito (se un'auto mi tampona mi ripagano il 100%, perché dovrebbe essere diverso?) più le spese veterinarie e di smaltimento,
2 - consentire sistemi di difesa (recinzioni) realmente fattibili/appli cabili (vedi articolo della Fantoni) e abolire le penali
3 - stanziare i fondi in funzione delle medie dei danni certificati degli ultimi 3 anni.
Citazione
 
 
+2 #20 luca1 2009-12-30 12:34
Sono completamente daccordo col professor Paci. C'è bisogno di un intervento deciso. Quello che è stato fatto fino ad ora nel comprensorio del cervo non è poco ma c'è bisogno di ben altro. Il territorio deve essere maggiormetne curato con miglioramenti ambientali e dobbiamo ridurre le densità nei luoghi dove sono intollerabili. Non possiamo continuare ad aspettare che i cervi si sparpaglino. Inoltre i cervi vanno tenuti fuori dai coltivi: l'acate non può arrivare fino in pianura come succede a Pistoia. Devono essere create zone bianche in cui i cervi vanno eradicati, non si può continuare a cercare di contenere i danni con le recinzioni che fanno assomigliare la campagna a un campo di concentramento e contribuiscono inoltre ad aggravare il problema togliendo superficie pascolabile e spingendo gli animali sempre più verso le porte delle città
Citazione
 
 
+2 #19 lorenzo l. 2009-12-01 21:45
Disney rincoglionisce i bimbi,diceva il grande "A.Paz".Parole sante....
Per il resto concordo con il dott. Mazzarone. saluti L.
Citazione
 
 
+7 #18 Giorgio Iorio 2009-11-27 11:59
Premesso che non sono un esperto, provo a dare qualche indicazione per la prima domanda di Lamberto : chi è "l'artefice dell'alterazion e di questo equilibrio naturale". Intanto l' "equilibrio naturale" è qualcosa che in realtà -per come possiamo concepirlo noi con i nostri riferimenti di spazio e di tempo- non esiste. Il nostro pianeta si trasforma continuamente da qualche miliardo di anni. Certamente l'uomo e la sua civiltà è attualmente un fattore rilevantissimo di queste trasformazioni.
La rottura di "questo equilibrio naturale" è recente (proviamo a dire 5.000 anni?) e risale al momento in cui in varie aree del mondo l'uomo è diventato stanziale (agricoltura, allevamento, villaggi, ecc).Posso consigliare su questi argomenti “armi, acciaio e malattie” di Jared Diamond (Einaudi).Ancor a più recentemente, nella relazione tra uomo e fauna selvatica di interesse venatorio e al presunto “equilibrio naturale” di questa componente, ricordo il ruolo delle riserve di caccia nobiliari (divieto di accesso e intervento da parte di chiunque altro) nelle quali i proprietari dovevano necessariamente avere elevate densità per offrire a loro stessi e ai loro ospiti facili e numerose prede. Alcuni storici fanno risalire a questa esigenza la creazione delle prime “enclosures” che di fatto, tra il 1500 e il 1700, hanno stabilito la proprietà privata dei terreni come la intendiamo oggi in senso moderno. Ricordo infine che in Italia due riserve reali di caccia sono state i nuclei iniziali dei più antichi parchi nazionali (Abruzzo e Gran Paradiso) e che lo stambecco sulle Alpi e il camoscio abruzzese si sono conservati praticamente perché prede esclusivamente riservate al re e ai suoi ospiti (salvo bracconieri più furbi e bravi dei guardacaccia).
Citazione
 
 
+7 #17 Giorgio Iorio 2009-11-27 11:53
Sono d'accordo con Maurizio Odasso e posso convenire che probabilmente in Appennino siamo "ultra-sensibil i" alle tracce/danni degli ungulati perché poco abituati. Posso infatti assicurare che 20-25 anni fa in Valnerina (PG) non erano visibili nemmeno timide scortecciature territoriali, poi circa dieci anni fa si sono cominciate a vedere raramente qua e la e oggi in alcune zone è pieno di tracce. La possibilità di incontrarli è molto alta anche in pieno giorno, vicino a strade, abitati e addirittura a cantieri forestali rumorosi. Negli anni ottanta gli investimenti da parte di automezzi riguardava esclusivamente i cinghiali, dalla fine degli anni novanta sono cominciati quelli dei caprioli. Questo fatto indica due cose: la prima è l'aumento della densità di questa specie, l'altra la mancanza -come giustamente suggerisce Alberto- di sistemi di superamento delle infrastrutture lineari (strade, ferrovie, ecc) per la fauna selvatica.
Dal punto di vista selvicolturale segnalo la difficoltà di conciliare interventi localizzati e su piccole superfici con un carico elevato di cervidi che, in genere, preferiscono questo tipo di condizioni e in questi casi possono provocare danni evidenti. Sul ceduo si perde l'incremento per qualche anno ma poi i polloni più interni diventano meno raggiungibili dagli animali e cominciano a crescere in altezza poco disturbati. Mi preoccupa di più la rinnovazione da seme delle querce e soprattutto del faggio (i cui semenzali difficilmente ricacciano dopo il morso).
Per quanto riguarda la seconda domanda di Lamberto penso proprio che -in ogni caso- è sufficiente ridurre (con vari metodi/costi/ri sultati, come già detto) il carico per renderlo compatibile con le risorse e certamente non si devono "sterminarli tutti".
Citazione
 
 
+8 #16 maurizio odasso 2009-11-23 14:22
Per quanto non conosca la situazione in appennino, aggiungo alla discussione il mio parere, di pianificatore naturalistico/f orestale del trentino. Sono convinto che il carico di ungulati è in alcune zone una forma di squilibrio, localmente anche grave, derivante dalla mancanza di fattori di limitazione naturali è dall'impossibil ità per gli animali di spostarsi liberamente su territori più ampi. D'altra parte recintare la rinnovazione è impraticabile.. . o lo è in parchi ornamentali, non in foresta. Di certo il prelievo di buoni cervi (per mangiarseli) è interessante e i cinghiali non mi fanno più pena di un maiale (almeno sono vissuti liberi, loro). Direi che la selvaggina in questo senso è una risorsa, più che un problema: se ben gestita è bella da vedere e buona da mangiare, quindi ottima per valorizzare un territorio. Mi sembra che confondere la "risorsa ungulati" con il "problema ungulati" però non sia solo frutto di posizioni ecologiste urbane/sentimen tali, ma sia alimentato anche dal mondo venatorio che cerca di rifarsi una verginità ed un ruolo socialmente utile con un uso strumentale della questione. Chi ha detto che siano i cacciatori locali a fare i prelievi? Perchè non vendere all'asta al miglior prezzo la risorsa, come si farebbe per un lotto di legna? Perchè non limitarsi a interventi sui luoghi e sulle specie localmente problematiche (magari accompagnati da un guardiaparco)? Aggiungo ancora che anche la nostra categoria (tecnici forestali ecc.) nell'ingigantir e il problema si autopromuove: nella mia esperienza la grande maggioranza dei casi presunti problematici mi pare di fatto siano situazioni in cui si vedono danni da brucatura, ma in un modo o nell'altro la rinnovazione alla fine ce la fa... in altri casi il fattore ecologico "ungulati" modifica effettivamente la composizione e la fisionomia del bosco, ma spesso senza drammi, aggiungendo occasioni di espressione della biodiversità.. solo in pochi casi di danno grave a carico di specie localmente rare mi sembra che il problema sia effettivo (forse ciò vale proprio per l'abete bianco in appennino).
Citazione
 
 
+1 #15 Lamberto Eli 2009-11-19 13:46
Spett.li esperti di foreste e di fauna,
sono una persona che non è esperto di questi argomenti, ma vista la v.s. competenza in materia chiedo chi è l'artefice dell'alterazion e di questo equilibrio naturale?
Ridurre il carico di ungulati è possibile senza sterminarli tutti?
Un saluto cordiale Lambert
Citazione
 
 
-5 #14 Alberto 2009-11-16 20:36
scusate ma devo proprio tornare a dire la mia,
noto con dispiacere che il mio invito a cercare soluzioni tecniche incruente non è stato preso in considerazione, gira e rigira sembra che la soluzione al problema ungulati sia solo la caccia di selezione.(tecn ica nelle intenzioni ma ludica nei fatti)
Vorrei evidenziare che togliere il foruncolo non significa eliminare le cause che lo hanno generato, infatti come manifestato nell' articolo pubblicato sul numero 158 di sherwood, dal 2000 gli abbattimenti si susseguono ogni anno(tasso di prelievo del 30%) e ciò testimonia la permanenza del problema.
Allora io vorrei che qualche esperto mi parlasse di recinti di cattura (non per abbattere ma per trasferire gli animali), di diminuzione della natalità (sterilizzazion e delle femmine), di cultura della prevenzione (evitare la pasturazione), di uso della selvicoltura per approntare aree idonee a trattenere gli ungulati (cioè in grado di offrire disponibilità alimentare) evitando quindi la pressione sulle colture agricole e sulle specie arboree di interesse, di sottopassi per permettere agli ungulati l’attraversamen to delle strade senza rischi per gli automobilisti, tutte proposte oggetto di approfondimento nei paesi Europei e negli U.S.A.
In buona sostanza invito tutti a considerare gli ungulati non più come forme estranee e nocive ma come risorse da gestire con oculatezza.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

   
 

>>> Visita FIERAFORESTALE.it >>>

>>> Nucleo Monitoraggio Carbonio >>>

>>> Compagnia delle Foreste >>>

>>> Ecoalleco >>>

 
  Top

Site made by

Compagnia delle Foreste