fbpx

Riviste

Sherwood Foreste ed Alberi Oggi è un bimestrale a diffusione nazionale. Insieme al suo supplemento “Tecniko & Pratiko” si propone di favorire la divulgazione tecnica, scientifica e politica, trasversalmente al settore forestale italiano.

Sherwood e Tecniko & Pratiko sono disponibili sia in versione cartacea che in versione digitale.

Sherwood

Sherwood 261
Novembre-Dicembre 2022

Sherwood 261 è l’ultimo numero di quest’anno ed è anche un numero un po’ anomalo perché non presenta il Focus ma solo un importante Dossier dedicato ai boschi cedui!

Un tema su cui ci sono molte cose da dire, molti esperti da interpellare, …molte inesattezze da sfatare. Quindi, consapevoli di non poter essere né completi né esaustivi, abbiamo deciso con questo Dossier di fare “il punto sul governo a ceduo”, di iniziare a capire intanto cosa rappresentano i boschi di origine agamica oggi in Italia: un problema o un’opportunità?

Il contributo che apre il Dossier a firma di Carlo Urbinati, della Università politecnica delle Marche, sottolinea che oggi il ceduo non è solo una questione tecnica, ma è anche e soprattutto una “questione culturale”. Nelle scelte gestionali di questi sistemi sempre più complessi va tenuto conto di vari fattori, tra cui l’abbandono colturale, i cambiamenti climatici e quelli socioeconomici.

Anche la ricerca, soprattutto dal secondo dopo guerra ad oggi, è stata improntata per individuare le indicazioni maggiormente rispondenti alle mutate esigenze della società, come argomentato nel secondo contributo firmato da un gruppo di ricercatori del CREA-FL che ripercorrono 50 anni di sperimentazione e monitoraggio sui cedui italiani.

Ma nella pratica è poi facile (o possibile?) applicare le indicazioni derivanti dalla ricerca o comunque quelle più innovative? Lo abbiamo chiesto con una Tavola Rotonda ad alcuni tecnici provenienti da tutta Italia che a questo proposito hanno dato risposte non sempre concordanti.

Oggi il “governo a ceduo” è una pluralità di opzioni colturali, anche integrabili tra loro, tra le quali il contributo di Paolo Mori ci aiuta a fare chiarezza, riportando una schematica rassegna di 6 diversi trattamenti associabili a questa forma di governo. L’obiettivo non è certo quello di spiegare la tecnica, ma di stimolare i forestali a prenderli tutti in considerazione; nella realtà, infatti, alcune di queste opzioni sono ancora poco diffuse, se non addirittura non previste in diversi contesti normativi.

Quindi, in Italia cosa è il ceduo oggi? E quale futuro lo attende?

A queste domande provano a rispondere Renzo Motta, Presidente della SISEF, con una personale riflessione, e Luigi Torreggiani, con un articolo basato sull’analisi delle definizioni di “ceduo invecchiato” o “oltre il turno massimo” delle normative di Regioni e Province Autonome. Il ceduo oggi è una forma di governo in regresso, anche se in determinati contesti fornisce ancora opportunità economiche ed ambientali, risultando la migliore opzione di gestione sostenibile. Con questo Dossier non vogliamo difendere il ceduo a priori, ma salvare la sua credibilità là dove davvero costituisce una valida scelta.

Come scrive Urbinati nelle conclusioni, abbiamo “aperto una finestra” che è importante mantenere per discutere e confrontarsi sulla “questione” ceduo anche con chi ha dei dubbi sulla sua utilità o sostenibilità, ma sempre con un approccio tecnico-scientifico e non certo ideologico!

Su Sherwood 261 però non si parla solo di cedui, sono infatti presenti anche 2 articoli che affrontano emergenze fitosanitarie di boschi alpini: il primo relativo al Progetto MONGEFITOFOR che riguarda le Alpi centro-occidentali e il secondo relativo al sistema di lotta ad Ips typographus con l’impiego di alberi esca, applicato nel territorio di Lavarone (TN).

Nelle Recensioni, inoltre, si presentano: una guida per organizzare trekking nelle Foreste demaniali della Lombardia, già protagoniste del “Cammina Foresta” e un podcast in 6 puntate dal titolo “UNA NUOVA filiERA” prodotto da Compagnia delle Foreste per il Progetto LENO (Legno Energia Nord Ovest).

La rubrica [S]punti di vista di questo numero invece parla di:

  • Comunicazione sbagliata e dannosa per il settore forestale,
  • 2.048.262 alberi da piantare lungo il Po
  • Il bosco di…Roberta Berretti
  • Le Regie Patenti di Re Carlo Felice per l’amministrare i boschi italiani

Concludiamo col ricordare le riflessioni proposte dall’Editoriale su “personalismi ed estremismi” che, ignorando competenze tecniche e risultati scientifici, limitano la valorizzazione del patrimonio forestale; e dal Post Scriptum che invece ci parla delle cause che hanno fatto “schizzare” i prezzi dei combustibili legnosi, tra cui l’inadeguatezza della filiera foresta legno in primis.  

 

Silvia Bruschini
Redazione di Sherwood

Tecniko & Pratiko

Tecniko & Pratiko 162
Novembre-Dicembre 2022

Si chiude il 2022 con il numero 162 di Tecniko & Pratiko, che vede l’editoriale intitolato “Ce la faranno le imprese boschive a guidare il futuro?”, dove si affronta il tema delle emissioni relative alla combustione di biomasse al fatto che a volte è successo che l’impiego del legno per energia termica, anche a piccola scala, possa essere bloccato con una direttiva o una norma. Un ruolo fondamentale per non arrivare a ciò è quello delle imprese boschive, che potrebbero trovare soluzioni nel loro interesse così come in quello dei loro clienti e dei cittadini delle zone in cui abitano, divenendo promotrici di una trasformazione energetica del legno efficiente e a basse emissioni, ad esempio facendo accordi con i produttori di sistemi innovativi e proponendoli ai loro acquirenti di legna o cippato.

Veniamo alla sezione Macchine & Attrezzature dove prosegue il racconto dedicato al secolo di vita della motosega con il terzo dei tre articoli previsti, che ripercorrono la storia di questo strumento diventato essenziale per chi lavora in bosco e nella gestione del verde e che ha cambiato drasticamente le modalità operative di tutti i lavori connessi al taglio degli alberi.
È poi presente un articolo promozionale dedicato all’abbigliamento forestale Solidur Infinity, commercializzato nel nostro Paese dalla vicentina Gabri Safety Shoes.
Segue Parco Macchine, dove è presentata la nuova motosega Stihl MSA 300, la macchina più potente di tutta la gamma a batteria della casa tedesca.
A chiudere la sezione Assoteca, dove la neonata associazione delle imprese forestali della Toscana si presenta spiegando i loro obiettivi e l’esigenza che ha spinto una quindicina di operatori forestali a costituire questa realtà.

Dunque, si passa alla sezione Legno & Biomasse, nella quale troviamo Notizie dalla Filiera dedicato al compimento dei 20 anni di attività dell’Associazione Monte Rosa Foreste, un’associazione nata con l’obiettivo di incrementare la Gestione Forestale Sostenibile in una valle caratterizzata da oltre 48.800 ha boscati, il 64% del territorio; una forma di cooperazione snella ma concreta, che in anticipo sui tempi ha promosso tanti dei valori oggi rilanciati con forza dalla prima Strategia Forestale Nazionale italiana.
Troviamo poi la rubrica Borsa Legno, che in questo numero è in veste nazionale e vede esposti i prezzi della legna da ardere e del cippato in diverse realtà italiane; grazie alle rilevazioni delle Camere di Commercio e di AIEL - Associazione Italiana Energie Agroforestali.

Chiude T&P 162 la sezione Verde Fuori Foresta in cui un contributo racconta il progetto VerdeVale, realizzato nell’ambito del Programma di Cooperazione Interreg V-A Italia-Svizzera, che ha avuto come focus la costituzione di una comunità di buone pratiche transfrontaliere tra piccole e medie imprese ed Enti Locali, finalizzata alla progettazione e alla sperimentazione sul campo di metodologie innovative per la gestione del verde urbano, per una sua valorizzazione ambientale, culturale ed economica.

 

Francesco Billi
Redazione di Sherwood

 

 

Image

Compagnia delle Foreste logo91x70px

La nostra sede
Compagnia delle Foreste Srl
Via Pietro Aretino n. 8
52100 Arezzo (IT)

Contatti telefonici e fax
Tel. (2 linee): 0575.323504 / 0575.370846
Fax: 0575.370846

E-mail

Pec:

P. Iva e CF: IT01726650516
Codice Univoco: M5UXCR1

Seguici su

Publish modules to the "offcanvas" position.